Aldi e Lidl alla conquista degli Usa

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/cf6/60131873/files/2015/01/img_0066.jpg
Lidl ha da poco annunciato il suo progetto di aprire negli Stati Uniti 100 punti vendita nel 2015. La forte dipendenza dal mercato europeo, ormai maturo e incapace di dare alti ritmi di crescita preoccupa infatti il management di Lidl spingendolo a guardare oltreoceano.

I risultati lusinghieri di Aldi, già presente negli Usa con circa 1300 negozi, lasciano intendere che gli Stati Uniti possano essere facilmente terra di conquista per il discount all’europea. La realtà statunitense è infatti fortemente concentrata su grandissime metrature, che hanno finora dominato il mercato con una politica di prezzi molto competitivi che spazzava via le medie strutture tradizionali. Aldi sta però dimostrando di riuscire ad essere addirittura più competitivo di Walmart. Una recente comparazione prezzi fatta dal blog per casalinghe Blogher ha evidenziato una convenienza dei prezzi di Aldi rispetto a quelli di Walmart del 22% (vai ai dati).

Da lì, con un certo stupore per gli americani che si chiedono come sia possibile che Davide sia più forte di Golia, parte una breve indagine sui savings di Aldi rispetto a Walmart e sulla private label. Tutte cose che in Europa conosciamo bene, ma che finora dubitavamo potessero funzionare anche sul mercato americano. Ci si diceva: gli americani pensano in grande, quindi fanno grandi spese in grandi ipermercati. Sembra ora invece che siano pronti anche loro al downsize della spesa.. e della dimensione dello store.

Hanno iniziato a chiudere numerosi centri commerciali e ne è prevista un’ulteriore moria nei prossimi anni (almeno 60). Il tutto perché le abitudini di consumo stanno cambiano e la società si sta sempre più polarizzando tra coloro che acquistano lowcost e quelli che invece puntano a salutistico e premium.

Ed ecco allora che Aldi pianifica di arrivare a 2000 punti vendita entro il 2018, e per tale data Lidl promette di aver conquistato una quota interessante del mercato Grocery. Lidl ha peraltro una capacità di adattamento dell’assortimento al mercato locale molto più alta rispetto ad Aldi. Questo dovrebbe spaventare sia Walmart che, soprattutto, catene di metratura inferiore come Dollar General caratterizzate da un’offerta simile, ma prive dell’efficenza dei retailer tedeschi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...